UN MUSEO “CUCITO” A FILOTTRANO

Ci troviamo in provincia di Ancona, nel comune dove ha sede uno dei più importanti poli industriali dedicati alla moda pret a porter e all’alta moda.

Un mix di industrie e sartorie artigianali che hanno fatto di Filottrano un nome prestigioso a livello mondiale.

Museo della Macchina da Cucire - Filottrano
Museo della Macchina da Cucire – Filottrano

A poche centinaia di metri da questo polo di moda e stile, in un antico palazzo si trova il Museo della macchina da cucire.

Un locale suggestivo in parte seminterrato, ricco di grotte e luoghi “segreti”.

Affascinante il tunnel in pietra che a circa 6 metri sotto il livello stradale si conclude con un pozzo profondo altri due metri e pieno di acqua proveniente dalle sorgenti sotterranee.

Il museo si distribuisce su due livelli con un area complessiva di circa 120 metri quadrati.

Nel sotterraneo è stato rinvenuto un oggetto storico di notevole importanza.

Una medaglia araba che secondi gli storici si attesta intorno all’anno 1000 – 1100.

Un connubio perfetto unisce il colore beige delle pietre, il marrone dei mattoni e il colore nero delle antiche macchine da cucire.

A fare da collante a questi materiali grandi scaffalature in legno che valorizzano ancora di più i pezzi di una straordinaria collezione.

Ben 250 i modelli esposti e altri 700 in attesa di una giusta collocazione di spazio.

Tra quelle esposte la più antica che possiamo vedere è una Howe del 1859, a seguire una Singer del 1862.

Ma non mancano le curiosità, come la piccola macchina da cucire portatile e compatta risalente addirittura al 1880, destinata solo alle signore più nobili e vezzose. (vedi foto sotto)

Macchina da cucire portatile del 1.880
Macchina da cucire portatile del 1880

 

 

 

 

Interessanti le macchine da cucire per bambine destinate alle famiglie dei nobili che in occasioni speciali le regalavano alle loro figlie per introdurle giocando nel mondo della sartoria.

All’interno del museo ci sono diversi marchi,  i più importanti Howe, Singer, Adler, Berlina, Durkott e Necchi.

Prezioso il modello della prima macchina da cucire realizzata interamente in Italia nel 1920 dall’azienda I.R.I. Industrie Riunite Italiane.

Questo museo nasce dall’idea, dalla passione e dall’amore per le macchine da cucire di Gustavo Boresta, meccanico di professione che negli anni 80 inizia la sua collezione di pezzi unici.

In foto con Gustavo Boresta proprietario e collezionista del Museo

Il museo offre vari servizi e laboratori, non solo la visita guidata ma anche corsi di cucito per ottenere le massime prestazioni dalle proprie macchine.

Inoltre se avete una macchina d’epoca e non sapete come farla funzionare Gustavo sarà a vostra completa disposizione , amplia scelta di pezzi da ricambio e una grande professionalità.

Il museo è visitabile il sabato dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.00, si trova in Piazzale XI Febbraio, civico 2. Ampio parcheggio vicino all’ingresso.

Il proprietario, custode e collezionista del Museo si rende disponibile previo contatto telefonico a  visite guidate anche durante i giorni feriali , è sufficiente contattare il numero 338- 1903622.

Museo della Macchina da Cucire - Filottrano
Museo della Macchina da Cucire – Filottrano

Una visita accurata richiede circa 20-30 minuti. Un Museo unico nel suo genere e ricco di dettagli coinvolgenti e affascinanti, ambientato in una meravigliosa location.

Visitatelo perchè quelle macchine hanno cucito abiti meravigliosi e hanno fatto sognare tante donne.

Lara Gentilucci

Macchina da cucire del 1856
Macchina da cucire Howe del 1859

 

 

Precedente 10 cose da sapere prima di andare alla Spa Successivo 10 LUOGHI DA VISTARE A FILOTTRANO